Occhi grandi, spalancati, riflettono il colore del mare, l’azzurro del cielo, custodiscono tutta la magia del sogno, tutta la speranza riposta nel viaggio; prendono forme e colori delle mete immaginate, il profilo di una terra lontana, la sagoma di un incontro, il profumo di un sentiero che porta al mare. Viaggia senza voltarsi indietro, con lo sguardo fisso su quel sarà, la giovane donna che Neve ritrae, mani sul volante, disegna la sua rotta verso il futuro, percorre decisa la strada che la porterà via. Lontano o vicino, un’aria nuova la attenderà, una diversa porzione di cielo ascolterà i desideri di una notte felice, un posto presto prenderà il nome di casa.

Attento a non tralasciare nessuna sfumatura di pensiero, di emozione, a non trascurare il tempo sospeso di un respiro che va dall’adrenalina alla paura, Neve riesce a dare alla sua opera voce, calore, tensione, movimento. A chi la osserva è data la possibilità di percepire quelle stesse sensazioni, ci sembra di lasciarsi alle spalle il vulcano, l’odore del mare, la strada di casa, ci sembra di avere lo stesso coraggio di correre nella direzione opposta al più bello dei tramonti.

L’artista direziona il nostro viaggio, ci porta sul sentiero delle percezioni, dell’immaginazione, delle fantasie nascoste. Che sia un viaggio interiore o che sotto le ruote scorra veloce la terra che stiamo lasciando, ognuno di noi avrà l’opportunità di afferrare quel volante e guidare. Non saremo soli in questo tragitto, Michelin con cura seguirà ogni nostro passo, assicurandosi che, qualunque siano le scelte da compiere, qualsiasi sia il percorso da affrontare, che si arrivi alla fine del sentiero o si scelga di tornare indietro, ognuno di noi possa essere orgoglioso del cammino affrontato.

Inquadra l'opera con l'app TABB e scopri nuovi contenuti in realtà aumentata!

Neve

Neve inizia a dipingere per gioco sui muri di Torino nel 1995. La passione per l’arte cresce in fretta tra la strada e la vita: con gli occhi solcati dalle occhiaie e le mani regolarmente tinte di vernice non perde occasione per lasciare la sua impronta, per dipingere e ricercare il suo stile. L’amore per l’estetica e per il classicismo lo porta a coniugare l’arte urbana con quella accademica, grazie all’uso del figurativo come mezzo di espressione. Dipinge in Italia, Spagna, Francia, Inghilterra, Grecia, Svizzera e Germania, sperimentando linguaggi diversi e padroneggiando diverse tecniche.

Leggi tutto